Torna a Foronews


23 | 11 | 2022

Penale

Furto e dolo specifico: rimessa alle sezioni unite la valutazione significato del fine di profitto come elemento della fattispecie incriminatrice.

di Francesco Agnino

Corte di Cassazione; sezione V penale; Pres. Pezzullo, Est. Catena. Notizia di decisione n. 9 del 2022

Note e commenti

I. È stata rimessa al giudice della nomofilachia la questione relativa alla valutazione del fine di profitto ai fini della sussistenza del dolo specifico nel delitto di furto. In particolare, è stata posta la questione del se il fine di profitto, in cui si concreta il dolo specifico del delitto di furto, debba essere inteso solo come finalità dell'agente di incrementare la sfera patrimoniale, sia pure in funzione del perseguimento di ulteriori fini conseguibili, ovvero se possa anche consistere nella volontà di trarre un'utilità non patrimoniale dal bene sottratto.  

Vuoi continuare a leggere?

Accedi

non sei ancora abbonato a FORONEWS?

Abbonati o
PROVA GRATIS PER 1 MESE

Annuale

49

Euro + iva 4%

( 39 Euro + iva 4% per i già abbonati de Il Foro Italiano )

Foronews è il frutto di un attento lavoro di professionisti dell’ambito giuridico che cercano ogni giorno di costruire conoscenza di valore in un mare di informazioni spesso non veritiere, approssimative e condizionate.

Foronews pubblica ogni giorno un commento giurisprudenziale o un aggiornamento di ambito legislativo al fine di fare luce e dare spunti di approfondimento a tutti coloro che nei vari ambiti del diritto vogliono un’informazione quotidiana autorevole e di qualità.